Company Logo

Mennea Day

“Mennea Day”,

 

 

 

200 metri di ricordi ed emozioni

 

Presente anche la Nuova Atletica Roncade

 

 

Tanti giovani in pista a Marcon per la prima parte della manifestazione dedicata al grande campione azzurro. Trentaquattro anni dopo il 19”72 del record mondiale, l’ex azzurro Gianfranco Lazzer torna in tribuna a Città del Messico: “Un’impresa straordinaria”

 

Duecento metri di ricordi ed emozioni. Allo stadio “Nereo Rocco” di Marcon, nel Veneziano, il Mennea Day parte con un ospite d’eccezione. Gianfranco Lazzer, l’ex compagno di staffetta della “Freccia del Sud”, era in tribuna a Città del Messico, 34 anni fa, quando Mennea stabilì il record del mondo con 19”72.

 

“Mi sembra di essere ancora lì – racconta l’ex velocista veneziano, componente della staffetta 4×100 che in quella stessa Universiade, con Mennea in ultima frazione, stabilì il record europeo -. Quando abbiamo visto il tempo ci siamo abbracciati tutti. Abbiamo avuto subito la consapevolezza che si trattava di un risultato storico e di un record che sarebbe durato a lungo, come effettivamente è stato. Un’impresa straordinaria”.

 

Una ventina di serie di 200 metri, interamente dedicate ai giovani - tesserati e non - ha aperto il pomeriggio allo stadio veneziano. Presenti, con il presidente del Comitato regionale, Paolo Valente, e del Comitato provinciale, Vito Vittorio, anche tante società: i padroni di casa della Biotekna Marcon, altre formazioni veneziane e pure team provenienti da altre province, come una delegazione di giovanissimi atleti del gruppo giovanile delle Fiamme Oro, guidati dall’ex mezzofondista azzurra Rosanna Martin.

 


 

 




Powered by Joomla!®.

Privacy Policy